Domande frequenti

Su creditgate24

Cos'è CreditGate24?

Cre­dit­Ga­te24 è una piat­ta­for­ma di cre­di­to on­li­ne peer-to-peer. Met­tia­mo in con­tat­to i be­ne­fi­cia­ri di cre­di­to con gli in­ve­sti­to­ri in mo­do sem­pli­ce, ra­pi­do, con­ve­nien­te e si­cu­ro. Gli in­ve­sti­to­ri e i be­ne­fi­cia­ri be­ne­fi­cia­no ugual­men­te di com­mis­sio­ni bas­se e tra­spa­ren­ti ri­spet­to a quel­le so­ste­nu­te dal­le ban­che tra­di­zio­na­li e da al­tri for­ni­to­ri di cre­di­ti. I be­ne­fi­cia­ri del cre­di­to be­ne­fi­cia­no dell'ap­pli­ca­zio­ne di cre­di­to ra­pi­da e sem­pli­ce, del­la fles­si­bi­li­tà e del bas­so tas­so di in­te­res­se dei cre­di­ti e del pro­ces­so di con­trol­lo del cre­di­to sem­pli­ce e di­ret­to. La di­scre­zio­ne e la pro­te­zio­ne del­le in­for­ma­zio­ni per­so­na­li dei no­stri clien­ti so­no di pri­ma­ria im­por­tan­za per Cre­dit­Ga­te24. Gli in­ve­sti­to­ri han­no la pos­si­bi­li­tà di in­ve­sti­re in una va­rie­tà di pro­get­ti di cre­di­to con di­ver­si pro­fi­li di ri­schio / ren­di­men­to (ra­ting del cre­di­to). Ga­ran­tia­mo la si­cu­rez­za dell'in­ve­sti­men­to de­gli in­ve­sti­to­ri at­tra­ver­so il no­stro ri­go­ro­so ed ela­bo­ra­to con­trol­lo del ri­schio del cre­di­to. Ul­te­rio­ri mi­su­re di si­cu­rez­za - co­me la no­stra as­si­cu­ra­zio­ne (in ca­so di mor­te) e un al­to gra­do di di­ver­si­fi­ca­zio­ne - au­men­ta­no ul­te­rior­men­te le pos­si­bi­li­tà che gli in­ve­sti­to­ri ot­ten­ga­no un pro­fit­to.

Cosa sono i crediti peer-to-peer?

I cre­di­ti peer-to-peer (P2P) so­no la pra­ti­ca del cre­di­to di de­na­ro a pri­va­ti ​​o azien­de at­tra­ver­so ser­vi­zi on­li­ne che in­con­tra­no gli in­ve­sti­to­ri di­ret­ta­men­te con i be­ne­fi­cia­ri di cre­di­to. Poi­ché le so­cie­tà di cre­di­to peer-to-peer of­fro­no que­sti ser­vi­zi in­te­ra­men­te on­li­ne, pos­so­no ope­ra­re con co­sti ge­ne­ra­li in­fe­rio­ri e, di con­se­guen­za, for­ni­re il ser­vi­zio a un co­sto in­fe­rio­re ri­spet­to al­le isti­tu­zio­ni fi­nan­zia­rie tra­di­zio­na­li. I cre­di­ti P2P con­sen­to­no una com­po­nen­te so­cia­le, un aspet­to che è sta­to per­so nel­le gran­di ban­che.

Quanto costa il servizio di CreditGate24?

Cre­dit­Ga­te24 ri­ce­ve una re­mu­ne­ra­zio­ne per il con­trol­lo di qua­li­tà, l'uso del­la piat­ta­for­ma e il ser­vi­zio di sup­por­to of­fer­to sia agli in­ve­sti­to­ri che ai be­ne­fi­cia­ri del cre­di­to du­ran­te la du­ra­ta del cre­di­to. I be­ne­fi­cia­ri pa­ga­no una tas­sa an­nua­le di 0,6 - 0,8% p.a. dell'im­por­to del cre­di­to che sa­rà de­trat­to dall'im­por­to di pa­ga­men­to. Gli in­ve­sti­to­ri pa­ga­no una com­mis­sio­ne dell'1% su ogni ra­ta men­si­le rim­bor­sa­ta dal be­ne­fi­cia­rio (am­mor­ta­men­to e in­te­res­si).

Quali sono le tasse su CreditGate24?
Chi gestisce CreditGate24?

Cre­dit­Ga­te24 è una so­cie­tà sviz­ze­ra in­di­pen­den­te ge­sti­ta da Cre­dit­Ga­te24 (Sch­weiz) AG, una so­cie­tà pri­va­ta sviz­ze­ra con se­de a Rü­schli­kon, ZH. Ogni gior­no, i no­stri spe­cia­li­sti esper­ti col­le­ga­no gli in­ve­sti­to­ri di­ret­ta­men­te con i be­ne­fi­cia­ri di cre­di­ti, ga­ran­ten­do al con­tem­po un'ele­va­ta qua­li­tà e si­cu­rez­za dei pro­ces­si.

Perche la Hypothekarbank Lenzburg consiglia CreditGate24 ai suoi clienti?

Hy­po­the­kar­bank Lenz­burg of­fre ai suoi clien­ti la pos­si­bi­li­tà di ri­chie­de­re cre­di­ti pri­va­ti di­ret­ta­men­te tra­mi­te la piat­ta­for­ma on­li­ne di Cre­dit­Ga­te24. La coo­pe­ra­zio­ne è sta­ta sta­bi­li­ta nell'in­te­res­se dei clien­ti, che be­ne­fi­cia­no di bas­si tas­si di in­te­res­se e so­lu­zio­ni fles­si­bi­li pres­so Cre­dit­Ga­te24. Cre­dit­Ga­te24 ri­ma­ne com­ple­ta­men­te in­di­pen­den­te e non ci so­no ac­cor­di di com­pen­sa­zio­ne tra Hy­po­the­kar­bank Lenz­burg e Cre­dit­Ga­te24.

Ma­rian­ne Wil­di, CEO di Hy­po­the­kar­bank Lenz­burg, com­men­ta: "Il pro­ces­so di sot­to­scri­zio­ne del cre­di­to di Cre­dit­Ga­te24 sod­di­sfa gli at­tua­li stan­dard del set­to­re del cre­di­to, per­tan­to rac­co­man­dia­mo Cre­dit­Ga­te24 ai no­stri clien­ti, sia per i be­ne­fi­cia­ri che per i cre­di­to­ri". (Co­mu­ni­ca­to stam­pa so­lo in te­de­sco)

Beneficiari privati

Chi può richiedere un credito sulla piattaforma di CreditGate24?

In li­nea di prin­ci­pio, chiun­que può ri­chie­de­re un pre­sti­to se so­no sod­di­sfat­ti i se­guen­ti re­qui­si­ti:

  • Mag­gio­re età
  • Al­me­no un per­mes­so di sog­gior­no di ti­po B (se non si pos­sie­de un do­cu­men­to di iden­ti­tà sviz­ze­ro o del Lie­ch­ten­stein)
  • Re­si­den­za (per 6 me­si, mi­ni­mo) in Sviz­ze­ra o nel Prin­ci­pa­to del Lie­ch­ten­stein
  • Iden­ti­tà com­pro­va­ta e con­trol­lo sul ri­ci­clag­gio di de­na­ro
  • Red­di­to re­go­la­re e/ o ga­ran­zie rea­li/at­ti­vi­tà

Ciò si­gni­fi­ca che un nu­me­ro mag­gio­re di per­so­ne ha ac­ces­so al cre­di­to pres­so Cre­dit­Ga­te24 ri­spet­to ai for­ni­to­ri di pre­sti­ti con­ven­zio­na­li.

Come posso richiedere un credito?

Ri­chie­de­re un pre­sti­to pres­so Cre­dit­Ga­te24 è fa­ci­le e ve­lo­ce:

  1. Sen­za re­gi­stra­zio­ne, è pos­si­bi­le se­le­zio­na­re l'im­por­to e la du­ra­ta del pre­sti­to e uti­liz­zar­li per de­ter­mi­na­re un tas­so men­si­le non vin­co­lan­te
  2. Vi re­gi­stra­te e in­via­te i da­ti ri­chie­sti per il con­trol­lo del cre­di­to
  3. Do­po po­co tem­po ri­ce­ve­rai una pro­po­sta di pre­sti­to spe­ci­fi­ca per le tue esi­gen­ze dai no­stri spe­cia­li­sti del cre­di­to
  4. Do­po la fir­ma, il vo­stro pro­get­to di pre­sti­to ver­rà pub­bli­ca­to in for­ma ano­ni­ma per gli in­ve­sti­to­ri su www.cre­dit­ga­te24.com
  5. Non ap­pe­na il pro­get­to di pre­sti­to è com­ple­ta­men­te fi­nan­zia­to da­gli in­ve­sti­to­ri e que­sti han­no pa­ga­to l'im­por­to del pre­sti­to a Cre­dit­Ga­te24, ri­ce­ve­rai im­me­dia­ta­men­te l'im­por­to del pre­sti­to de­si­de­ra­to (me­no la com­mis­sio­ne Cre­dit­Ga­te24) sul tuo con­to. Nel ca­so di pre­sti­ti al con­su­mo, è ne­ces­sa­rio at­ten­de­re un pe­rio­do di re­ces­so di 14 gior­ni con­for­me­men­te al­la leg­ge fe­de­ra­le sul cre­di­to al con­su­mo pri­ma che il pre­sti­to ven­ga ero­ga­to
Quali costi dovrò sostenere attraverso il mio progetto di credito?

Pa­ghe­rai una ra­ta men­si­le fis­sa, com­po­sta dal tuo ren­di­men­to in­di­vi­dua­le e l'am­mor­ta­men­to del cre­di­to.

Con quale velocità verrà erogato l'importo del credito richiesto?

Non ap­pe­na avrai in­via­to tut­ti i do­cu­men­ti ne­ces­sa­ri per il cre­di­to di­ret­ta­men­te a Cre­dit­Ga­te24, ti in­vie­re­mo un'of­fer­ta di cre­di­to tra­mi­te e-mail in­ter­na. Una vol­ta ac­cet­ta­ta l'of­fer­ta di cre­di­to, il con­trat­to ori­gi­na­le per il pro­get­to di cre­di­to ti sa­rà in­via­to im­me­dia­ta­men­te per la fir­ma. Quan­do avre­mo ri­ce­vu­to il con­trat­to fir­ma­to, il tuo pro­get­to di cre­di­to sa­rà pub­bli­ca­to sul­la no­stra piat­ta­for­ma. L'im­por­to del cre­di­to ri­chie­sto ver­rà pa­ga­to quan­do sa­rà in­te­ra­men­te fi­nan­zia­to per con­to dei no­stri in­ve­sti­to­ri.

Posso rimborsare il mio credito in anticipo?

Sì, puoi rim­bor­sa­re an­ti­ci­pa­ta­men­te il tuo cre­di­to pri­va­to. Per ra­gio­ni le­ga­li, di­stin­guia­mo tra cre­di­ti pri­va­ti sog­get­ti al­la leg­ge sul cre­di­to al con­su­mo e cre­di­ti pri­va­ti che su­pe­ra­no l'im­por­to di un cre­di­to di CHF 80.000 e non so­no sog­get­ti al­la leg­ge sul cre­di­to al con­su­mo.

Rim­bor­so an­ti­ci­pa­to di cre­di­ti sog­get­ti al­la leg­ge sul cre­di­to al con­su­mo

Per i cre­di­ti al con­su­mo, i be­ne­fi­cia­ri del cre­di­to pos­so­no adem­pie­re in an­ti­ci­po agli ob­bli­ghi pre­vi­sti dal con­trat­to di cre­di­to. In que­sto ca­so, il be­ne­fi­cia­rio ha un di­rit­to al rim­bor­so de­gli in­te­res­si sul pe­rio­do di cre­di­to non uti­liz­za­to. Il rim­bor­so an­ti­ci­pa­to de­ve es­ser­ci co­mu­ni­ca­to per iscrit­to o via e-mail o eMes­sag­gio 10 gior­ni la­vo­ra­ti­vi pri­ma del­la da­ta di rim­bor­so. L'ul­te­rio­re pro­ce­du­ra può es­se­re tro­va­ta con il mes­sag­gio di con­fer­ma che ri­ce­ve­rai da noi.

Rim­bor­so an­ti­ci­pa­to di pre­sti­ti ol­tre CHF 80.000

Cre­di­ti o par­ti di un cre­di­to con un im­por­to di cre­di­to su­pe­rio­re a CHF 80'000 pos­so­no es­se­re rim­bor­sa­ti an­ti­ci­pa­ta­men­te dai be­ne­fi­cia­ri, ma al più pre­sto 12 me­si do­po che il cre­di­to è sta­to ero­ga­to. Il pre­vi­sto rim­bor­so an­ti­ci­pa­to de­ve es­se­re an­nun­cia­to per iscrit­to via e-mail o eMes­sag­gio 10 gior­ni la­vo­ra­ti­vi pri­ma del­la da­ta di rim­bor­so. Una tas­sa di rim­bor­so an­ti­ci­pa­to è do­vu­ta in con­for­mi­tà con il con­trat­to di cre­di­to. L'ul­te­rio­re pro­ce­du­ra può es­se­re tro­va­ta con il mes­sag­gio di con­fer­ma che ri­ce­ve­rai da noi.

Gli investitori possono visualizzare i miei dati personali?

Nes­sun da­to per­so­na­le co­me no­me, in­di­riz­zo o in­di­riz­zo e-mail vie­ne pub­bli­ca­to su Cre­dit­Ga­te24; so­no vi­si­bi­li so­lo va­lo­ri sta­ti­sti­ci co­me età, ge­ne­re e na­zio­na­li­tà. Cre­dit­Ga­te24 at­tri­bui­sce gran­de im­por­tan­za al­la di­scre­zio­ne.

Quali sono i miei benefici come beneficiario del credito?

L'eti­ca nel trat­ta­re con i be­ne­fi­cia­ri di cre­di­to e la tra­spa­ren­za so­no i prin­ci­pi chia­ve di Cre­dit­Ga­te24. Ot­te­ne­re pre­sti­ti at­tra­ver­so la piat­ta­for­ma di Cre­dit­Ga­te24 è un'al­ter­na­ti­va in­tel­li­gen­te ai for­ni­to­ri di cre­di­to più tra­di­zio­na­li e co­sto­si. Van­tag­gi prin­ci­pa­li:

  • Fi­nan­zia­men­to fles­si­bi­le, ve­lo­ce ed equo dei cre­di­ti
  • Pro­ces­so di con­trol­lo del cre­di­to sem­pli­ce e di­ret­to
  • Bas­si tas­si di in­te­res­se
  • Nes­sun co­sto na­sco­sto
  • Re­gi­stra­zio­ne gra­tui­ta e te­nu­ta dell’ac­count
  • Mas­si­ma fles­si­bi­li­tà, con la pos­si­bi­li­tà di rim­bor­sa­re il cre­di­to in an­ti­ci­po
  • Mas­si­ma di­scre­zio­ne, pro­te­zio­ne del­la pri­va­cy e ga­ran­zia del vo­stro ano­ni­ma­to
Che cos'è la ristrutturazione del debito o la sostituzione del credito?

Se un be­ne­fi­cia­rio estrae di­ver­si cre­di­ti, può con­ver­tir­li in un uni­co cre­di­to con­so­li­da­to. Un be­ne­fi­cia­rio può ab­bas­sa­re l'in­te­res­se quan­do si pas­sa a un nuo­vo for­ni­to­re di cre­di­to o piat­ta­for­ma.

Che cosa fa CreditGate24 contro i tentativi di frode?

Cre­dit­Ga­te24 pres­se­rà ca­ri­che cri­mi­na­li su ogni ten­ta­ti­vo di fro­de. I no­stri spe­cia­li­sti di cre­di­to so­no ad­de­stra­ti a ri­le­va­re i ten­ta­ti­vi di fro­de e so­no in co­stan­te con­tat­to con nu­me­ro­se isti­tu­zio­ni al fi­ne di con­va­li­da­re qual­sia­si at­ti­vi­tà so­spet­ta.

Beneficiari PMI

Chi può richiedere un credito sulla piattaforma di CreditGate24?

Chiun­que può ri­chie­de­re un cre­di­to tra­mi­te la piat­ta­for­ma di Cre­dit­Ga­te24, a con­di­zio­ne che ven­ga­no sod­di­sfat­te le se­guen­ti con­di­zio­ni:

  • Mag­gio­re età
  • Re­si­den­za in Sviz­ze­ra o Lie­ch­ten­stein
  • Pas­sag­gio del con­trol­lo dell'iden­ti­tà e del ri­ci­clag­gio di de­na­ro
  • En­tra­te e/o ti­to­li/ pro­prie­tà re­go­la­ri
Come posso richiedere un credito?

Ri­chie­de­re un cre­di­to è ve­lo­ce e in­tui­ti­vo:

  1. Pri­ma di re­gi­strar­ti, puoi già cal­co­la­re la ra­ta men­si­le per il cre­di­to de­si­de­ra­to in ba­se all'im­por­to e al­la du­ra­ta.
  2. Do­po la re­gi­stra­zio­ne, for­ni­sci le in­for­ma­zio­ni per­so­na­li ne­ces­sa­rie per un con­trol­lo del cre­di­to
  3. Una vol­ta che que­ste in­for­ma­zio­ni so­no sta­te ri­ce­vu­te e ana­liz­za­te da Cre­dit­Ga­te24, ri­ce­ve­re­te dai no­stri spe­cia­li­sti di cre­di­to una pro­po­sta di cre­di­to con­cre­ta su mi­su­ra per le vo­stre esi­gen­ze
  4. Una vol­ta fir­ma­to il con­trat­to di cre­di­to, pub­bli­chia­mo il tuo pro­get­to di cre­di­to sul­la no­stra piat­ta­for­ma in mo­do che sia vi­si­bi­le agli in­ve­sti­to­ri.
  5. Non ap­pe­na il tuo pro­get­to di cre­di­to è com­ple­ta­men­te fi­nan­zia­to e il de­na­ro dell'in­ve­sti­men­to è col­le­ga­to a Cre­dit­Ga­te24, i fon­di sa­ran­no tra­sfe­ri­ti sul tuo con­to (de­dot­te tas­se di Cre­dit­Ga­te24)
Quali costi dovrò sostenere attraverso il mio progetto di credito?

Pa­ghe­rai una ra­ta men­si­le fis­sa, com­po­sta dal tuo ren­di­men­to in­di­vi­dua­le e l'am­mor­ta­men­to del cre­di­to.

Il mutuatario incorre in una ritenuta d'acconto?

Cre­dit­Ga­te24 vuo­le ga­ran­ti­re per sé e per i pro­pri clien­ti in ogni mo­men­to che le nor­ma­ti­ve le­ga­li sia­no ri­spet­ta­te. In que­sto con­te­sto, noi co­me il mu­tua­ta­rio se­gna­lia­mo i se­guen­ti aspet­ti po­ten­zial­men­te ri­le­van­ti del­la le­gi­sla­zio­ne sviz­ze­ra sul­la ri­te­nu­ta d'ac­con­to. Se­con­do il bol­let­ti­no in­for­ma­ti­vo Bonds (S-02.122.1) del 02.10.2015 e la let­te­ra cir­co­la­re Cu­sto­mer Cre­dit S-1-034-V-2011-d del 26.07.2011 dell'Am­mi­ni­stra­zio­ne fe­de­ra­le del­le con­tri­bu­zio­ni FTA, al­cu­ni aspet­ti po­treb­be­ro es­se­re ri­le­van­ti per voi. Si pre­ga di no­ta­re nel­lo spe­ci­fi­co i se­guen­ti re­go­la­men­ti:

Ini­zio del­la re­spon­sa­bi­li­tà fi­sca­le

  • Ob­bli­ga­zio­ni
    Un'ob­bli­ga­zio­ne ai sen­si del­la leg­ge di bol­lo e del­la ri­te­nu­ta d'ac­con­to sus­si­ste se un de­bi­to­re na­zio­na­le ri­scuo­te de­na­ro su più di 10 cre­di­to­ri con­tro l'emis­sio­ne del ri­co­no­sci­men­to del de­bi­to a con­di­zio­ni iden­ti­che. L'im­por­to to­ta­le del pre­sti­to de­ve es­se­re di al­me­no 500.000 fran­chi.
  • Le no­te a me­dio ter­mi­ne ai sen­si del di­rit­to di bol­lo e del­la ri­te­nu­ta d'ac­con­to so­no for­ni­te se un de­bi­to­re na­zio­na­le (non ban­ca­rio) ri­ce­ve con­ti­nua­men­te de­na­ro a con­di­zio­ni va­ria­bi­li con­tro più di 20 cre­di­to­ri con­tro l'emis­sio­ne del ri­co­no­sci­men­to del de­bi­to. L'im­por­to to­ta­le del pre­sti­to de­ve es­se­re di al­me­no CHF 500.000. Se le ob­bli­ga­zio­ni a me­dio ter­mi­ne so­no emes­se da una ban­ca ai sen­si del­la leg­ge ban­ca­ria, la re­spon­sa­bi­li­tà fi­sca­le ini­zia in­di­pen­den­te­men­te dal nu­me­ro di cre­di­to­ri quan­do ini­zia­no le ope­ra­zio­ni com­mer­cia­li. Nel de­ter­mi­na­re il nu­me­ro di ob­bli­ga­zio­ni e ob­bli­ga­zio­ni a me­dio ter­mi­ne, le ban­che na­zio­na­li e stra­nie­re non do­vreb­be­ro es­se­re in­clu­se nel­la le­gi­sla­zio­ne ban­ca­ria in vi­go­re pres­so la lo­ro se­de le­ga­le.

Se il ca­so a) ob) è an­che do­vu­to ad al­tri cre­di­ti di ter­ze par­ti, con­tat­ta­re Cre­dit­Ga­te24 via e-mail o in­fo@cre­dit­ga­te24.com.

Con quale velocità verrà erogato l'importo del credito richiesto?

Non ap­pe­na avrai in­via­to tut­ti i do­cu­men­ti ne­ces­sa­ri per il cre­di­to di­ret­ta­men­te a Cre­dit­Ga­te24, ti in­vie­re­mo un'of­fer­ta di cre­di­to tra­mi­te e-mail in­ter­na. Una vol­ta ac­cet­ta­ta l'of­fer­ta di cre­di­to, il con­trat­to ori­gi­na­le per il pro­get­to di cre­di­to ti sa­rà in­via­to im­me­dia­ta­men­te per la fir­ma. Quan­do avre­mo ri­ce­vu­to il con­trat­to fir­ma­to, il tuo pro­get­to di cre­di­to sa­rà pub­bli­ca­to sul­la no­stra piat­ta­for­ma. L'im­por­to del cre­di­to ri­chie­sto ver­rà pa­ga­to quan­do sa­rà in­te­ra­men­te fi­nan­zia­to per con­to dei no­stri in­ve­sti­to­ri.

Possiamo rimborsare il nostro prestito in anticipo?

I pre­sti­ti ra­tea­li per le PMI o par­ti di un pre­sti­to ra­tea­le per le PMI pos­so­no es­se­re rim­bor­sa­ti an­ti­ci­pa­ta­men­te dai be­ne­fi­cia­ri a de­ter­mi­na­te con­di­zio­ni. Si pre­ga di con­tat­ta­re il pro­prio Cre­dit Of­fi­cer re­spon­sa­bi­le.

I pre­sti­ti a bre­ve ter­mi­ne per le PMI non pos­so­no es­se­re rim­bor­sa­ti in an­ti­ci­po.

Quali dati possono visualizzare gli investitori?

Per le ra­te del­le PMI e i pre­sti­ti a bre­ve ter­mi­ne ven­go­no pub­bli­ca­ti so­lo va­lo­ri sta­ti­sti­ci co­me la for­ma giu­ri­di­ca, il set­to­re, la da­ta di fon­da­zio­ne e la se­de del­la so­cie­tà.

Quali sono i miei benefici come beneficiario del credito?

L'eti­ca nel trat­ta­re con i be­ne­fi­cia­ri di cre­di­to e la tra­spa­ren­za so­no i prin­ci­pi chia­ve di Cre­dit­Ga­te24. Ot­te­ne­re pre­sti­ti at­tra­ver­so la piat­ta­for­ma di Cre­dit­Ga­te24 è un'al­ter­na­ti­va in­tel­li­gen­te ai for­ni­to­ri di cre­di­to più tra­di­zio­na­li e co­sto­si. Van­tag­gi prin­ci­pa­li:

  • Fi­nan­zia­men­to fles­si­bi­le, ve­lo­ce ed equo dei cre­di­ti
  • Pro­ces­so di con­trol­lo del cre­di­to sem­pli­ce e di­ret­to
  • Bas­si tas­si di in­te­res­se
  • Nes­sun co­sto na­sco­sto
  • Re­gi­stra­zio­ne gra­tui­ta e te­nu­ta dell’ac­count
  • Mas­si­ma fles­si­bi­li­tà, con la pos­si­bi­li­tà di rim­bor­sa­re il cre­di­to in an­ti­ci­po
  • Mas­si­ma di­scre­zio­ne, pro­te­zio­ne del­la pri­va­cy e ga­ran­zia del vo­stro ano­ni­ma­to
Che cos'è la ristrutturazione del debito o la sostituzione del credito?

Se un be­ne­fi­cia­rio estrae di­ver­si cre­di­ti, può con­ver­tir­li in un uni­co cre­di­to con­so­li­da­to. Un be­ne­fi­cia­rio può ab­bas­sa­re l'in­te­res­se quan­do si pas­sa a un nuo­vo for­ni­to­re di cre­di­to o piat­ta­for­ma.

Che cosa fa CreditGate24 contro i tentativi di frode?

Cre­dit­Ga­te24 fa­rà pres­sio­ni cri­mi­na­li su ogni ten­ta­ti­vo di fro­de. I no­stri spe­cia­li­sti di cre­di­to so­no ad­de­stra­ti a ri­le­va­re i ten­ta­ti­vi di fro­de e so­no in co­stan­te con­tat­to con nu­me­ro­se isti­tu­zio­ni al fi­ne di con­va­li­da­re qual­sia­si at­ti­vi­tà so­spet­ta.

Credito PMI a breve termine

Cos'è un credito PMI a breve termine?

Il cre­di­to PMI a bre­ve ter­mi­ne è un mo­do per as­sor­bi­re li­qui­di­tà a con­di­zio­ni in­te­res­san­ti per la vo­stra azien­da nel bre­ve pe­rio­do. Le du­ra­te so­no 1-6 me­si e il cre­di­to è am­mor­tiz­za­to con un uni­co tas­so al­la fi­ne del ter­mi­ne.

Qual è la differenza tra il credito PMI a breve termine e il factoring?

Il fac­to­ring è un mo­do per ot­te­ne­re li­qui­di­tà a bre­ve ter­mi­ne dal li­bro dei con­ti sen­za do­ver aspet­ta­re che il clien­te pa­ghi il con­to. Nel co­sid­det­to fac­to­ring "rea­le", as­se­gna­no il cre­di­to a un ac­qui­ren­te, che ac­cet­ta an­che il del­cre­de­re (ri­schio di man­ca­to pa­ga­men­to). In al­tri aspet­ti del fac­to­ring, la fat­tu­ra è ri­chie­sta so­lo co­me ga­ran­zia per il cre­di­to e il ri­schio di del­cre­de­re ri­ma­ne con te. In que­sto ca­so, è ne­ces­sa­rio rim­bor­sa­re l'im­por­to ri­ce­vu­to al­la fi­ne del ter­mi­ne. In en­tram­bi i ca­si, il fac­to­ring è pos­si­bi­le so­lo se pos­so­no ven­de­re un re­cla­mo o di­mo­strar­lo co­me si­cu­rez­za. Que­sto non è ne­ces­sa­rio con il cre­di­to PMI a bre­ve ter­mi­ne di Cre­dit­Ga­te24. Con­si­de­ria­mo la tua azien­da in mo­do oli­sti­co ed ef­fet­tuia­mo un con­trol­lo del cre­di­to. Ri­spet­to al fac­to­ring, il cre­di­to PMI Cre­dit­Ga­te24 of­fre an­che tas­si di in­te­res­se mol­to in­te­res­san­ti e non gra­va inu­til­men­te sul­la vo­stra azien­da. Cer­ta­men­te, de­si­de­ria­mo ac­cet­ta­re il tuo li­bret­to di ad­de­bi­to co­me si­cu­rez­za, il che si­gni­fi­ca che le tue con­di­zio­ni sa­ran­no mi­glio­ra­te.

Quali sono le differenze tra il credito PMI a breve termine e il credito PMI a rate?

Il ter­mi­ne è più bre­ve e am­mon­ta da uno a sei me­si. Il cre­di­to ra­tea­le PMI ha una sca­den­za di al­me­no 12 me­si. Il fi­nan­zia­men­to a bre­ve ter­mi­ne del­le PMI non è am­mor­tiz­za­to; per­tan­to, non ven­go­no ef­fet­tua­ti pa­ga­men­ti men­si­li, ma l'in­te­ro im­por­to del cre­di­to com­pren­si­vo de­gli in­te­res­si vie­ne rim­bor­sa­to al­la fi­ne del pe­rio­do. Non è pos­si­bi­le il rim­bor­so an­ti­ci­pa­to del cre­di­to PMI a bre­ve ter­mi­ne. Se il be­ne­fi­cia­rio del cre­di­to ri­pa­ga il cre­di­to pri­ma del­la sca­den­za, egli non ri­ce­ve­rà cre­di­to di in­te­res­se.

Quali sono i vantaggi per il beneficiario?

Il be­ne­fi­cia­rio del cre­di­to be­ne­fi­cia di un pro­dot­to che sod­di­sfa esat­ta­men­te le sue esi­gen­ze. Bre­ve ter­mi­ne, de­ci­sio­ne ra­pi­da, mi­glio­ra­men­to del­la li­qui­di­tà mi­ra­to, nes­sun am­mor­ta­men­to.

Posso rimborsare anticipatamente il credito PMI a breve termine?

Un rim­bor­so an­ti­ci­pa­to del cre­di­to non è pos­si­bi­le.

In quali situazioni è possibile prendere in considerazione un credito PMI a breve termine?
  • Pre­fi­nan­zia­men­to del­le at­ti­vi­tà cor­ren­ti (in­ven­ta­rio / fac­to­ring / de­bi­to­ri /)
  • Col­ma­re le flut­tua­zio­ni sta­gio­na­li
  • Pre­fi­nan­zia­men­to del­le fat­tu­re
  • Ri­fi­nan­zia­men­to del fab­bi­so­gno di li­qui­di­tà a bre­ve ter­mi­ne
  • Col­ma­re una la­cu­na di li­qui­di­tà
  • Im­pre­vi­sto
Esiste un accordo di solidarietà per gli investitori nel credito PMI a breve termine?

Sì, il cre­di­to PMI a bre­ve ter­mi­ne è un ti­po se­pa­ra­to di cre­di­to con un pro­prio ac­cor­do di so­li­da­rie­tà tra in­ve­sti­to­ri del­lo stes­so li­vel­lo di ra­ting.

Posso vendere crediti PMI a breve termine come investitore sul mercato secondario?

No. Que­sto non è pos­si­bi­le a cau­sa del bre­ve ter­mi­ne.

Investitori

Chi può essere un investitore?

Qua­si chiun­que può in­ve­sti­re de­na­ro sul­la piat­ta­for­ma di Cre­dit­Ga­te24 (gli in­ve­sti­to­ri con de­ter­mi­na­ti pae­si di re­si­den­za so­no esclu­si per ra­gio­ni giu­ri­di­che, ad esem­pio USA). Tut­ta­via, ci con­cen­tria­mo for­te­men­te su­gli in­ve­sti­to­ri do­mi­ci­lia­ti in Sviz­ze­ra e nel Lie­ch­ten­stein. Per es­se­re un in­ve­sti­to­re tra­mi­te Cre­dit­Ga­te24, è ne­ces­sa­rio es­se­re mag­gio­ren­ni (al­me­no 18 an­ni) e ave­re un con­to ban­ca­rio sviz­ze­ro va­li­do. Cre­dit­Ga­te24 ope­ra se­con­do la leg­ge sviz­ze­ra sul ri­ci­clag­gio di de­na­ro. Dun­que sia­mo ob­bli­ga­ti a giu­sti­fi­ca­re tut­ti i flus­si di cas­sa e chia­ri­re le ori­gi­ni di tut­ti i sol­di.

Cos'è un Credit Project Share (CPS)?

CPS si ri­fe­ri­sce al­la quo­ta de­gli in­ve­sti­to­ri in un pro­get­to di cre­di­to in cor­so. Un CPS è de­fi­ni­to dall'am­mon­ta­re, dal ter­mi­ne, dal tas­so di in­te­res­se e dal ra­ting del cre­di­to.

Quanto è l'importo minimo che posso investire in un progetto di prestito?

L'im­por­to mi­ni­mo per pro­get­to di cre­di­to è di CHF 500.-?

Come posso investire sulla piattaforma di CreditGate24?

Una vol­ta ve­ri­fi­ca­te le tue in­for­ma­zio­ni, il tuo ac­count ver­rà at­ti­va­to e po­trai ini­zia­re a ot­te­ne­re ot­ti­mi ren­di­men­ti at­tra­ver­so i se­guen­ti pas­sag­gi:

Sot­to In­ve­sti­men­ti -> Ren­di­men­ti in­te­res­san­ti -> Al­tri pro­get­ti, tro­ve­re­te una pa­no­ra­mi­ca di tut­ti i pro­get­ti di cre­di­to di­spo­ni­bi­li con i ri­spet­ti­vi gra­di di ra­ting, tas­so di in­te­res­se no­mi­na­le, du­ra­ta e ren­di­men­to, non­ché in­for­ma­zio­ni sul be­ne­fi­cia­rio del cre­di­to e lo sco­po del pro­get­to.

  1. Se­le­zio­na un pro­get­to di cre­di­to in ba­se al­le tue pre­fe­ren­ze.
  2. In­se­ri­sci l'im­por­to che vuoi in­ve­sti­re nel pro­get­to di cre­di­to scel­to.
  3. Fai clic sul pul­san­te "Con­fer­ma­re l’in­ve­sti­men­to in mo­do vin­co­lan­te".

Non ap­pe­na un pro­get­to di cre­di­to è com­ple­ta­men­te fi­nan­zia­to, ri­ce­ve­rai un'email da Cre­dit­Ga­te24 che ri­chie­de di tra­sfe­ri­re l'im­por­to dell'in­ve­sti­men­to de­si­gna­to en­tro 72 ore.

Ha importanza da quale conto vengono effettuati i miei pagamenti?

No, puoi in­via­re il de­na­ro da tut­ti i tuoi con­ti sviz­ze­ri ma i rim­bor­si men­si­li so­no pa­ga­ti so­lo sul tuo con­to ban­ca­rio che hai sal­va­to nel no­stro si­ste­ma.

Come ricevo i miei profitti?

Co­me in­ve­sti­to­re, ri­ce­vi i tuoi pro­fit­ti (am­mor­ta­men­ti e in­te­res­si) ogni me­se do­po che la ra­ta del be­ne­fi­cia­rio del cre­di­to è sta­ta pa­ga­ta tra­mi­te Cre­dit­Ga­te24 sul tuo con­to e tra­sfe­ri­ta al tuo ac­count ester­no de­si­gna­to (con­to ban­ca­rio o po­sta­le).

I rim­bor­si e i pa­ga­men­ti di in­te­res­si su cre­di­ti PMI a bre­ve ter­mi­ne so­no ef­fet­tua­ti con un pa­ga­men­to una tan­tum sul con­to di ri­fe­ri­men­to ester­no (con­to ban­ca­rio o po­sta­le) al­la fi­ne del­la du­ra­ta del con­trat­to di cre­di­to.

Quali tasse pago come investitore?

La re­gi­stra­zio­ne con Cre­dit­Ga­te24 e l'in­ve­sti­men­to in pro­get­ti di cre­di­to so­no gra­tui­ti. Cre­dit­Ga­te24 ad­de­bi­ta una com­mis­sio­ne dell'1% su ogni rim­bor­so sul tuo con­to (am­mor­ta­men­to e in­te­res­si).

Quali vantaggi mi offre CreditGate24 come investitore?

Gli in­ve­sti­to­ri pos­so­no in­ve­sti­re in­di­vi­dual­men­te in va­ri pro­get­ti di pre­sti­to con pro­fi­li di ri­schio e ren­di­men­to mol­to in­te­res­san­ti (li­vel­li di ra­ting). In que­sto mo­do so­ste­ne­te le per­so­ne e i lo­ro pro­get­ti. Cre­dit­Ga­te24 col­le­ga gli in­ve­sti­to­ri con i be­ne­fi­cia­ri, e gra­zie al­la stra­te­gia on­li­ne con­sen­te di ri­spar­mia­re gli al­ti co­sti dei for­ni­to­ri di cre­di­to tra­di­zio­na­li. Sia gli in­ve­sti­to­ri che i be­ne­fi­cia­ri be­ne­fi­cia­no di que­sti ri­spar­mi sui co­sti. Le se­guen­ti mi­su­re ri­du­co­no il più pos­si­bi­le il ri­schio per gli in­ve­sti­to­ri:

  • Ogni pre­sti­to è sog­get­to a una va­lu­ta­zio­ne del ri­schio ri­go­ro­sa e com­ples­sa
  • A se­con­da del pre­sti­to, il be­ne­fi­cia­rio sot­to­scri­ve un'as­si­cu­ra­zio­ne con­tro il ri­schio di mor­te, che co­pre una per­di­ta teo­ri­ca del de­bi­to re­si­duo di CHF 100'000 (De­vo­no es­se­re pre­se in con­si­de­ra­zio­ne le con­di­zio­ni spe­ci­fi­che del mu­tua­ta­rio e pos­so­no com­por­ta­re re­stri­zio­ni del­le pre­sta­zio­ni as­si­cu­ra­ti­ve)
  • Mi­ni­miz­za­zio­ne dell'im­pat­to di un in­sol­ven­za cre­di­ti­zia sui sin­go­li in­ve­sti­to­ri di­stri­buen­do le ina­dem­pien­ze cre­di­ti­zie tra tut­ti gli in­ve­sti­to­ri nel­lo stes­so li­vel­lo di ra­ting e ti­po di cre­di­to (poo­ling per­di­ta cre­di­to)
  • Mo­ni­to­rag­gio ri­go­ro­so di tut­ti i flus­si di pa­ga­men­to e ge­stio­ne coe­ren­te dei cre­di­ti

Poi­ché, no­no­stan­te que­ste mi­su­re, non tut­ti i ri­schi pos­so­no es­se­re com­ple­ta­men­te esclu­si, si con­si­glia di di­stri­bui­re il pro­prio in­ve­sti­men­to su di­ver­si pro­get­ti nel­lo stes­so o in di­ver­si li­vel­li di ra­ting tra di­ver­si ti­pi di cre­di­to (pre­sti­to ra­tea­le per le PMI, pre­sti­to per­so­na­le, pre­sti­to per le PMI a bre­ve ter­mi­ne).

A cosa si riferisce "possibilità di profitto addizionale"?

La pro­ba­bi­li­tà di pro­fit­to è la com­po­nen­te di pro­fit­to che cor­ri­spon­de al­la pro­ba­bi­li­tà di de­fault. Que­sti gua­da­gni so­no in­clu­si nel­le en­tra­te net­te mas­si­me e so­no pa­ga­ti in­sie­me ai rim­bor­si men­si­li.

Qual è il reddito lordo?

Il red­di­to lor­do è il red­di­to pri­ma del­la de­tra­zio­ne del­la com­mis­sio­ne di ser­vi­zio per gli in­ve­sti­to­ri e del­le per­di­te sta­ti­sti­ca­men­te pre­vi­ste.

Cosa si intende per "rendimento netto massimo"?

Il ren­di­men­to net­to mas­si­mo è il ren­di­men­to cal­co­la­to do­po la de­tra­zio­ne del­le com­mis­sio­ni di ser­vi­zio sen­za con­si­de­ra­re la pro­ba­bi­li­tà di ina­dem­pien­za.

Cosa si intende per "rendimento netto atteso"?

Il ren­di­men­to net­to at­te­so è il ren­di­men­to cal­co­la­to do­po aver so­ste­nu­to le com­mis­sio­ni di ser­vi­zio in­clu­den­do la pro­ba­bi­li­tà di ina­dem­pien­za.

CreditGate24 fornisce rapporti fiscali?

La re­gi­stra­zio­ne con Cre­dit­Ga­te24 e l'in­ve­sti­men­to in pro­get­ti di cre­di­to so­no gra­tui­ti. Cre­dit­Ga­te24 ad­de­bi­ta una com­mis­sio­ne dell'1% su ogni rim­bor­so sul tuo con­to (am­mor­ta­men­to e in­te­res­si). L'emis­sio­ne del­la tua di­chia­ra­zio­ne fi­sca­le an­nua­le Cre­dit­Ga­te24 è già in­clu­sa in que­sta com­mis­sio­ne.

Che cosa significa l'ammontare della tassa di solidarietà elencata nella scheda fiscale?

L'im­por­to del pa­ga­men­to di so­li­da­rie­tà è il to­ta­le dell'ob­bli­ga­zio­ne di re­spon­sa­bi­li­tà so­li­da­le so­ste­nu­ta nell'eser­ci­zio fi­sca­le, in­di­pen­den­te­men­te dall'ad­de­bi­to ef­fet­ti­vo. Di con­se­guen­za, è de­ci­si­vo il mo­men­to del­la for­ma­zio­ne del­la re­spon­sa­bi­li­tà so­li­da­le (= mo­men­to in cui la re­spon­sa­bi­li­tà so­li­da­le è no­ti­fi­ca­ta) e non se l'im­por­to del­la re­spon­sa­bi­li­tà so­li­da­le è im­pu­ta­to con una ra­ta di rim­bor­so.

Che cosa significa l'ammontare dei rimborsi elencati nella scheda fiscale?

Re­cu­pe­ri di cre­di­ti in de­fault (ad esem­pio, se un be­ne­fi­cia­rio con­tro cui CG24 de­tie­ne un cer­ti­fi­ca­to di per­di­ta, di nuo­vo di­spo­ne di ri­sor­se fi­nan­zia­rie che po­treb­be­ro es­se­re re­cu­pe­ra­te da CG24) sa­ran­no pa­ga­ti al­le per­so­ne in­te­res­sa­te. L'im­por­to in­di­ca i rim­bor­si pa­ga­ti nell'an­no fi­sca­le.

COCKPIT INVESTITORE

Cosa mi viene mostrato nel cockpit Investitore in "Portafoglio" nella sezione delle statistiche?

All'in­ter­no del­la se­zio­ne «sta­ti­sti­che», il por­ta­fo­glio mo­stra lo sta­to cor­ren­te dei tuoi in­ve­sti­men­ti pres­so Cre­dit­Ga­te24. Que­sto nu­me­ro in­clu­de l'am­mon­ta­re in so­spe­so del ca­pi­ta­le, ov­ve­ro i tuoi in­ve­sti­men­ti me­no i pa­ga­men­ti di am­mor­ta­men­to già ef­fet­tua­ti. So­no an­che in­clu­si e de­no­mi­na­ti «Ca­sh in Tran­sit» i con­tri­bu­ti de­gli in­ve­sti­to­ri che so­no già sta­ti ver­sa­ti, ma che non so­no sta­ti an­co­ra pa­ga­ti al be­ne­fi­cia­rio.

Come si compone il reddito netto?

Il red­di­to net­to com­pren­de tut­ti gli in­te­res­si e gli al­tri pro­ven­ti fi­no­ra per­ce­pi­ti me­no tut­ti i con­tri­bu­ti di so­li­da­rie­tà ad­de­bi­ta­ti. La com­mis­sio­ne di ser­vi­zio per gli in­ve­sti­to­ri non si ri­flet­te.

Come verrà determinato il rendimento?

Il ren­di­men­to mo­stra la ren­di­ta an­nua­le ef­fet­ti­va del tuo por­ta­fo­glio. Tie­ne con­to del ca­pi­ta­le in­ve­sti­to, dell’am­mor­ta­men­to del ca­pi­ta­le, del pro­ven­to d‘in­te­res­si, in­den­ni­tà e com­mis­sio­ni, in­te­res­si ma­tu­ra­ti, one­ri e cre­di­ti de­ri­van­ti da con­tri­bu­ti di so­li­da­rie­tà non­ché da pre­mi de­ri­van­ti da tran­sa­zio­ni sul mer­ca­to se­con­da­rio. Il cal­co­lo si ba­sa sul me­to­do del tas­so in­ter­no di ren­di­men­to (TIR o IRR), che tie­ne con­to dei flus­si di cas­sa sto­ri­ci ed at­te­si su ba­se gior­na­lie­ra.

Qual è nel dettaglio il significato dello stato del mio investimento?
  • In­ve­sti­men­to: L’in­ve­sti­to­re ha ga­ran­ti­to una quo­ta ma il cre­di­to non è sta­to an­co­ra to­tal­men­te fi­nan­zia­to. Il cre­di­to sa­rà in­se­ri­to sul­la piat­ta­for­ma Cre­dit­Ga­te24 fi­no al suo com­ple­to fi­nan­zia­men­to.
  • Re­spin­to: Il be­ne­fi­cia­rio del cre­di­to ha de­ci­so di re­ce­de­re dal con­trat­to en­tro il ter­mi­ne le­ga­le.
  • Ri­chie­sta di de­na­ro: Il cre­di­to è sta­to com­ple­ta­men­te fi­nan­zia­to, gli in­ve­sti­to­ri han­no ri­ce­vu­to la fat­tu­ra di pa­ga­men­to.
  • Pa­ga­men­to del cre­di­to: Tut­ti gli in­ve­sti­to­ri han­no ver­sa­to le lo­ro quo­te, il pa­ga­men­to è in cor­so.
  • Pun­tua­le: Il be­ne­fi­cia­rio del cre­di­to ha pa­ga­to tut­te le ra­te.
  • Sca­du­ta da 1 a 30 gior­ni: Una ra­ta in ar­re­tra­to fi­no a 30 gior­ni. So­no adot­ta­te le pri­me mi­su­re.
  • Sca­du­ta da 31 a 60 gior­ni: Una ra­ta in ar­re­tra­to fi­no a 60 gior­ni. So­no adot­ta­te ul­te­rio­ri mi­su­re.
  • Sca­du­ta da 61 a 90 gior­ni: Una ra­ta in ar­re­tra­to fi­no a 90 gior­ni. Le mi­su­re adot­ta­te sa­ran­no in­ten­si­fi­ca­te.
  • Sca­du­ta da ol­tre 90 gior­ni: Una ra­ta in ar­re­tra­to da ol­tre 90 gior­ni. Sa­ran­no adot­ta­te al­tre mi­su­re ed av­via­te even­tua­li azio­ni le­ga­li.
  • Rim­bor­so an­ti­ci­pa­to pen­den­te: Il be­ne­fi­cia­rio del cre­di­to ha eser­ci­ta­to il pro­prio di­rit­to d’ese­gui­re un rim­bor­so an­ti­ci­pa­to. Il rim­bor­so è pre­vi­sto en­tro 30 gior­ni.
  • Rim­bor­so an­ti­ci­pa­to: Il be­ne­fi­cia­rio del cre­di­to ha rim­bor­sa­to il cre­di­to an­ti­ci­pa­ta­men­te.
  • Com­ple­ta­to: Il cre­di­to è sta­to rim­bor­sa­to in to­to.
  • Ven­du­to: Il cre­di­to è sta­to ven­du­to sul mer­ca­to se­con­da­rio.
  • In­sol­ven­za con pos­si­bi­li­tà di esa­zio­ne: Il cre­di­to è sta­to di­chia­ra­to ine­si­gi­bi­le. Una li­qui­da­zio­ne suc­ces­si­va del cer­ti­fi­ca­to di per­di­ta è in so­spe­so.
  • Per­di­ta con in­sol­ven­za: Il cre­di­to è sta­to di­chia­ra­to ine­si­gi­bi­le. L’im­por­to è con­si­de­ra­to de­fi­ni­ti­va­men­te ir­re­cu­pe­ra­bi­le.

Mercato secondario

Cos’è il mercato secondario di CreditGate24?

Il mer­ca­to se­con­da­rio Cre­dit­Ga­te24 con­sen­te ai fi­nan­zia­to­ri di ven­de­re i lo­ro in­ve­sti­men­ti esi­sten­ti (CPS o cre­dit pro­ject shares). Ciò of­fre l'op­por­tu­ni­tà di ge­ne­ra­re li­qui­di­tà pri­ma del­la fi­ne del ter­mi­ne di un CPS. I pre­sta­to­ri che agi­sco­no co­me ac­qui­ren­ti sul mer­ca­to se­con­da­rio ot­ten­go­no ac­ces­so a CPS esi­sten­ti con ter­mi­ni ri­ma­nen­ti più bre­vi.

Cosa può essere offerto o acquistato sul mercato secondario?

Sul mer­ca­to se­con­da­rio Cre­dit­Ga­te24, gli in­ve­sti­to­ri pos­so­no ac­qui­sta­re e/o ven­de­re sin­go­li CPS (uni­tà di pre­sti­top) che so­no già sta­ti fi­nan­zia­ti pri­ma che sia­no com­ple­ta­men­te rim­bor­sa­ti. Una ven­di­ta di par­ti di un CPS non è pos­si­bi­le. Un CPS de­ve ave­re una du­ra­ta re­si­dua di al­me­no tre me­si al mo­men­to del­la de­ci­sio­ne di ven­di­ta e del­la re­la­ti­va at­ti­va­zio­ne sul mer­ca­to se­con­da­rio. In ge­ne­ra­le, pos­so­no es­se­re of­fer­ti in ven­di­ta dei CPS a se il pre­sti­to cor­ri­spon­den­te non ha ar­re­tra­ti.

Chi può partecipare al mercato secondario?

Il mer­ca­to se­con­da­rio Cre­dit­Ga­te24 è aper­to a tut­ti gli uten­ti re­gi­stra­ti di Cre­dit­Ga­te24.

Chi determina il prezzo di un CPS (unità di prestito) sul mercato secondario?

Per im­po­sta­zio­ne pre­de­fi­ni­ta, il prez­zo di ac­qui­sto si ba­sa sull'im­por­to an­co­ra aper­to nei con­fron­ti dell'in­ve­sti­to­re ori­gi­na­le al mo­men­to del­la ven­di­ta. Tut­ta­via, il ven­di­to­re è li­be­ro di ri­chie­de­re un prez­zo di ac­qui­sto leg­ger­men­te su­pe­rio­re o leg­ger­men­te in­fe­rio­re. Tut­te le in­for­ma­zio­ni per­ti­nen­ti sul CPS sa­ran­no di­vul­ga­te al po­ten­zia­le nuo­vo in­ve­sti­to­re/ac­qui­ren­te. Nell'in­te­res­se del­la pro­te­zio­ne de­gli in­ve­sti­to­ri, Cre­dit­Ga­te24 si ri­ser­va il di­rit­to di eli­mi­na­re le of­fer­te dal mer­ca­to se­con­da­rio con prez­zi di ven­di­ta ir­rea­li­sti­ca­men­te ele­va­ti. A tal fi­ne, il ren­di­men­to dell'ac­qui­ren­te del CPS of­fer­to nel mer­ca­to se­con­da­rio vie­ne con­fron­ta­to con un nuo­vo pre­sti­to con ca­rat­te­ri­sti­che ugua­li o si­mi­li.

Come si svolge un acquisto o una vendita sul mercato secondario?

Gli in­ve­sti­to­ri che de­si­de­ra­no ven­de­re una o più quo­te del cre­di­to (CPS) pos­so­no re­gi­stra­re il lo­ro or­di­ne nel Coc­k­pit. Non ap­pe­na sa­rà tro­va­to un ac­qui­ren­te per il CPS of­fer­to ed il prez­zo d’ac­qui­sto sa­rà ver­sa­to, il CPS sa­rà tra­sfe­ri­to ed il ven­di­to­re ri­ce­ve­rà il de­na­ro in que­stio­ne. Nel ca­so in cui l’ac­qui­ren­te non do­ves­se ver­sa­re il prez­zo d’ac­qui­sto en­tro il ter­mi­ne con­ve­nu­to, la ven­di­ta “sfu­ma” ed il CPS ri­ma­ne nel­la ma­ni dell’in­ve­sti­to­re ori­gi­na­le. Può es­se­re ri­mes­so in ven­di­ta sul mer­ca­to se­con­da­rio in qual­sia­si mo­men­to.

Quanto costa il mercato secondario?

Il mer­ca­to se­con­da­rio Cre­dit­Ga­te24 è of­fer­to gra­tui­ta­men­te a tut­ti i fi­nan­zia­to­ri.

Cre­dit­Ga­te24 non ad­de­bi­ta una com­mis­sio­ne per la quo­ta di pro­get­to di cre­di­to tran­sa­to (CPS). Co­me per tut­ti gli in­ve­sti­men­ti, i fi­nan­zia­to­ri pa­ga­no l'in­te­ro co­sto del ser­vi­zio dell' 1% su tut­ti i rim­bor­si di un CPS, com­pre­si i CPS ac­qui­sta­ti o ven­du­ti sul mer­ca­to se­con­da­rio.

Cosa succede all'ammortamento e al pagamento degli interessi del beneficiario, che vengono trasferiti durante il processo di vendita?

Gli in­ve­sti­to­ri che han­no sot­to­scrit­to un or­di­ne di ven­di­ta CPS con­ti­nue­ran­no a ri­ce­ve­re tut­ti gli am­mor­ta­men­ti e gli in­te­res­si del be­ne­fi­cia­rio fi­no al mo­men­to dell'ac­qui­sto da par­te dell'ac­qui­ren­te del CPS. I pa­ga­men­ti ri­ce­vu­ti da que­sto mo­men­to ver­ran­no pa­ga­ti do­po il com­ple­ta­men­to con suc­ces­so del­la ven­di­ta all'ac­qui­ren­te. Il prez­zo di ac­qui­sto vie­ne ade­gua­to di con­se­guen­za in mo­do che il prez­zo di ac­qui­sto ad­de­bi­ta­to in cia­scun ca­so ri­flet­ta cor­ret­ta­men­te i flus­si di cas­sa. Nel ca­so in cui la ven­di­ta ca­da, tut­ti i flus­si di cas­sa van­no al ven­di­to­re.

Come vengono gestiti i pagamenti in ritardo o i default durante una vendita secondaria?

Le quo­te del pro­get­to di cre­di­to con pa­ga­men­ti in ri­tar­do o de­fault ven­go­no ri­mos­se dal mer­ca­to se­con­da­rio e non pos­so­no es­se­re ac­qui­sta­te o ven­du­te.

Esistono restrizioni alla vendita di un CPS (Credit Project Share) sul mercato secondario?

Un CPS non può es­se­re ven­du­to se un pa­ga­men­to ra­tea­le del be­ne­fi­cia­rio do­ves­se es­se­re ri­cor­da­to al mo­men­to del­la ven­di­ta.

Recupero

Cosa intendiamo per recupero?

Per re­cu­pe­ro in­ten­dia­mo tut­te le mi­su­re che ser­vo­no a ri­dur­re gli ar­re­tra­ti o a rim­bor­sa­re il de­bi­to. Il pro­ces­so di ri­pri­sti­no ini­zia quan­do i ri­chia­mi non han­no por­ta­to al pa­ga­men­to pre­vi­sto.

Cosa succede se un debitore non paga la sua rata?

Il ter­zo gior­no do­po la sca­den­za, il de­bi­to­re ri­ce­ve un pro­me­mo­ria di pa­ga­men­to. Suc­ces­si­va­men­te, se ne­ces­sa­rio, un pri­mo e un se­con­do ri­chia­mo.

Gli investitori sono informati sulle irregolarità dei pagamenti?

In­for­mia­mo gli in­ve­sti­to­ri in me­ri­to ai ri­tar­di nei pa­ga­men­ti e al­le mi­su­re av­via­te. Le pri­me in­for­ma­zio­ni ven­go­no for­ni­te quan­do è sta­ta av­via­ta una ra­ta. Inol­tre, gli in­ve­sti­to­ri pos­so­no sco­pri­re gli ar­re­tra­ti nell'In­ve­stors Coc­k­pit sot­to la vo­ce di me­nu «In­ve­sti­men­ti».

Cosa succede se il cliente non risponde ai richiami di rata o non paga la rata?

Ini­zia­mo l'ope­ra­zio­ne per la ra­ta men­si­le do­vu­ta.

CreditGate24 può annullare il prestito se il debitore non paga le sue rate?

Se un pre­sti­to è sog­get­to al­la leg­ge sul cre­di­to al con­su­mo (pre­sti­ti a pri­va­ti fi­no a CHF 80'000), Cre­dit­Ga­te24 può re­ce­de­re dal pre­sti­to so­lo se le ra­te in es­se­re rag­giun­go­no al­me­no il 10% dell'im­por­to del pre­sti­to.

Per tut­ti gli al­tri pre­sti­ti, Cre­dit­Ga­te24 ha il di­rit­to di an­nul­la­re il pre­sti­to in ca­so di ri­tar­do nel pa­ga­men­to. Pren­dia­mo que­sta de­ci­sio­ne nel mi­glio­re in­te­res­se dei no­stri in­ve­sti­to­ri.

I richiami sono associati a costi per il debitore?

Sì, per i ri­chia­mi ver­rà ad­de­bi­ta­to un mar­gi­ne di con­tri­bu­zio­ne per le no­stre spe­se. Le ta­rif­fe di ri­chia­mo so­no elen­ca­te nel­la no­stra panoramica delle tasse .

Quando viene definito un prestito come irrecuperabile?

Cre­dit­Ga­te24 de­ter­mi­ne­rà se il de­bi­to non è re­cu­pe­ra­bi­le se tut­te le mi­su­re adot­ta­te per rim­bor­sa­re il de­bi­to non han­no avu­to esi­to po­si­ti­vo. Que­sto di so­li­to è il ca­so do­po aver ri­ce­vu­to una ri­ce­vu­ta di per­di­ta.

Un investitore perde la propria partecipazione se si scopre che un credito in cui ha investito è inesigibile?

No. In que­sto ca­so en­tra in vi­go­re la re­spon­sa­bi­li­tà so­li­da­le. Tut­ti gli in­ve­sti­to­ri che han­no in­ve­sti­to nel­lo stes­so ti­po di cre­di­to e con lo stes­so li­vel­lo di ra­ting as­su­me­ran­no una quo­ta del con­se­guen­te de­fault in so­li­da­rie­tà.

Come viene calcolato l'importo della responsabilità solidale?

L'im­por­to del cre­di­to in­so­lu­to (com­pre­si i co­sti del­le azio­ni le­ga­li) è sta­bi­li­to in pro­por­zio­ne all'im­por­to to­ta­le del cre­di­to dell'in­te­ro ti­po di cre­di­to e del li­vel­lo di ra­ting. La per­cen­tua­le ri­sul­tan­te vie­ne uti­liz­za­ta per cal­co­la­re il con­tri­bu­to di so­li­da­rie­tà.

Esem­pio:

Im­por­to del cre­di­to in­so­lu­to in­cl. co­stiCHF 7’500
To­tal del­la ca­te­go­ria/li­vell­lo di ra­tingCHF 1'200’000
De­fault in %0.63%

JA cia­scun in­ve­sti­to­re nel­la stes­sa ca­te­go­ria di cre­di­to / li­vel­lo di ra­ting ver­rà ad­de­bi­ta­to lo 0,63% del sal­do di ca­pi­ta­le del / dei suo / suoi in­ve­sti­men­to / i.

Come viene addebitato il contributo di solidarietà?

I con­tri­bu­ti di so­li­da­rie­tà cal­co­la­ti ver­ran­no de­trat­ti dal pa­ga­men­to suc­ces­si­vo per un in­ve­sti­men­to nel ti­po di cre­di­to e li­vel­lo di ra­ting cor­ri­spon­den­ti.

Cosa succede con i certificati di perdita?

Le ri­chie­ste di cer­ti­fi­ca­ti di per­di­ta pos­so­no es­se­re ri­ven­di­ca­te per 20 an­ni. A se­con­da del­la lo­ro va­lu­ta­zio­ne, CG24 ten­te­rà di ven­de­re o ge­sti­re cer­ti­fi­ca­ti di per­di­ta.

Cosa succede ai proventi dei certificati di perdita?

Que­sti so­no rim­bor­sa­ti in pro­por­zio­ne ai con­tri­bu­ti di so­li­da­rie­tà fat­ti agli in­ve­sti­to­ri in quel mo­men­to. Se gli im­por­ti so­no mi­ni­mi, l'im­por­to sa­rà tra­sfe­ri­to a un'isti­tu­zio­ne di be­ne­fi­cen­za.

Chi è responsabile per un default del credito nel caso di vendite sul mercato secondario in corso?

Il ven­di­to­re è re­spon­sa­bi­le fi­no al­la da­ta del tra­sfe­ri­men­to to­ta­le dell'in­ve­sti­men­to (ri­ce­vu­ta del prez­zo di ac­qui­sto per il cre­di­to in CG24) per ina­dem­pi­men­to di un cre­di­to del­lo stes­so ti­po di cre­di­to e ca­te­go­ria di ra­ting dell’in­ve­sti­men­to da ven­de­re.

Sistema di rating e valutazione del credito

Cos’è il sistema di rating?

Cre­di­ti a PMI e Pri­va­te

Qual è l'ottimizzazione del rischio attraverso l'accordo di solidarietà?

Per mi­ni­miz­za­re l'ef­fet­to di un de­fault del cre­di­to, Cre­dit­Ga­te24 uti­liz­za il ri­sk-poo­ling at­tra­ver­so un ac­cor­do di so­li­da­rie­tà. Que­sto me­to­do con­sen­te agli in­ve­sti­to­ri di ot­te­ne­re la mas­si­ma pos­si­bi­le di­ver­si­fi­ca­zio­ne del ri­schio, sen­za do­ver in­ve­sti­re in nu­me­ro­si pro­get­ti di cre­di­to. No­no­stan­te le mi­su­re di si­cu­rez­za che adot­tia­mo, un de­fault è an­co­ra pos­si­bi­le e il re­cu­pe­ro dell'in­ve­sti­men­to po­treb­be ri­ve­lar­si in­frut­tuo­so. In ca­so di in­sol­ven­za del be­ne­fi­cia­rio su un cre­di­to, la per­di­ta ver­rà ri­par­ti­ta pro­por­zio­nal­men­te a tut­ti gli in­ve­sti­to­ri con lo stes­so gra­do di ra­ting. Ciò si­gni­fi­ca che ogni sin­go­lo in­ve­sti­to­re è mi­ni­ma­men­te in­fluen­za­to da un de­fault del cre­di­to e il ren­di­men­to at­te­so può es­se­re as­si­cu­ra­to al me­glio.

Non­di­me­no, Cre­dit­Ga­te24 rac­co­man­da agli in­ve­sti­to­ri di in­ve­sti­re in va­ri pro­get­ti di cre­di­to per­ché, men­tre uno par­te­ci­pa au­to­ma­ti­ca­men­te all'ac­cor­do di so­li­da­rie­tà in vir­tù dell'in­ve­sti­to­re, pos­so­no es­se­re ne­ces­sa­rie un pa­io di set­ti­ma­ne per ri­ce­ve­re il sup­ple­men­to di so­li­da­rie­tà.

Que­sto è il mo­ti­vo per cui Cre­dit­Ga­te24 pre­sen­ta sia un ren­di­men­to ba­se che un ren­di­men­to ag­giun­ti­vo; il ren­di­men­to ag­giun­ti­vo si ri­fe­ri­sce al­la de­tra­zio­ne pre­vi­sta in ca­so di ina­dem­pien­za del cre­di­to. In ge­ne­ra­le, per i li­vel­li di ra­ting di AAA (PMI e pri­va­ti), la per­di­ta at­te­sa da col­la­te­ral è pros­si­ma al­lo 0%. Cio­no­no­stan­te, Cre­dit­Ga­te24 non può ga­ran­ti­re pro­fit­ti o im­pe­di­re even­tua­li ina­dem­pien­ze del cre­di­to. Tut­ta­via, Cre­dit­Ga­te24 com­pie ogni sfor­zo per ren­de­re po­si­ti­va l'espe­rien­za dei no­stri uten­ti.

Che cos'è l'assicurazione contro il rischio di morte?

A se­con­da del pre­sti­to, il de­bi­to­re sti­pu­la un'as­si­cu­ra­zio­ne per il ri­schio di mor­te che co­pre una per­di­ta teo­ri­ca del de­bi­to re­si­duo di CHF 100'000. De­vo­no es­se­re com­pro­va­re le cir­co­stan­ze spe­ci­fi­che del be­ne­fi­cia­rio e pos­so­no com­por­ta­re re­stri­zio­ni al­le pre­sta­zio­ni as­si­cu­ra­ti­ve.

Che cosa significa controllo di solvibilità?

Ol­tre a uti­liz­za­re i da­ti di for­ni­to­ri in­ter­ni ed ester­ni per le clas­si­fi­che cre­di­ti­zie, Cre­dit­Ga­te24 uti­liz­za in­for­ma­zio­ni di ese­cu­zio­ne, Big Da­ta Ana­ly­tics, so­cial me­dia, ri­cer­ca e chia­ri­men­ti spe­ci­fi­ci sui be­ne­fi­cia­ri.

Utilizziamo i cookie per aiutarla a fornirle la migliore esperienza online possibile. Continuando a navigare nel sito, accetta il nostro utilizzo dei cookie e la nostra politica sulla privacy